Archivio

Archivio Agosto 2005

Il mistero di Sleepy Hollow!

28 Agosto 2005 9 commenti


E adesso vi racconto qualcosa su un film che, personalmente adoro..così come non posso fare a meno di adorarne il regista…Tim Burton, autore di geniali film, sempre a metà tra il gotico e il fiabesco, l’orrore e la fantasia! Il film in questione è ” Il mistero di Sleepy Hollow”, splendidamente interpretato da Johnny Deep e Christina Ricci!

Tutto ha inizio a New Jork, nel 1799…quando il tribunale spedisce Ichabold Crane, giovane poliziotto, che si avvale della logica e della razionalità, nelle sue indagini, nel misterioso paesino di Sleepy Hollow, perennemente ricoperto di nebbia! Qua Ichabold avrà il compito di indagare su una serie di omicidi che turbano la quiete cittadina! Sembra che un misterioso cavaliere senza testa si manifesti nel bosco ad Ovest, per tagliare le teste di alcuni facoltosi cittadini! Crane vuole risolvere il mistero, partendo da presupposti razionalistici: dev’esserci un assassino che niente ha a che fare con spiriti e fantasmi e lui lo scoverà; ma ben presto dovrà cedere posto all’idea che quasi mai la realtà è ciò che sembra e che forse tra il reale e la fantasia i limiti non son poi così netti….Fatti sempre più strani si susseguono, in un crescendo di paura ed emozioni, molti i personaggi ambigui e affascinanti: Katrina, la figlia del più ricco signore del paese, che sembra dedita alla magia bianca e nonostante ciò pare nascondere qualcosa…la matrigna di lei, algida signora dal passato pieno di ombree dallo sguardo sinistro; il cavaliere che si manifesta in modo spaventoso, fuoriuscendo dall’albero dei morti, presso il quale anni addietro era stato sotterrato, dopo che la sua testa era stata tagliata, dalle guardie della città…e tutti i cittadini attorno ai quali ruota la vicenda, che sembrano nascondere segreti incnfessabili! C’e’ poi Crane, poliziotto di saldi principi che pian piano però rivela i suoi “fantasmi”, le sue paure…che ritornano a manifestarsi sotto forma di inquietanti sogni…scoprirà la verità, forse si innamorerà, certo tornerà a New Jork cambiato…Ed anche noi che guardiamo il film non potremo non restare affascinati da questo universo popolato da streghe, fantasmi, spiriti e magia, ritrovandoci a pensare, come Ichabold verso la fine del film, che forse non tutto si spiega attraverso la Ragione!
Bellissimo, visionario, fiabesco, onirico…un film che non dimenticherete facilmente!

Per la gioia di Alfiere..^_^

26 Agosto 2005 4 commenti


Come richiesto da Alfiere, ecco qualcosina sul Pinzimonio, che non è una pianta o un’erba, ma una ricetta molto usata…^_^

Bèh, qualcosina sull’argomento posso dirtela comunque alfiere^_^

Il pinzimonio è un’antica ricetta, molto usata e anche molto semplice, in realtà non c’è molto da preparare; In principio il pinzimonio si limitava a gambi di sedano e finocchi intinti in una scodellina contenente Olio, sale e chi voleva poteva aggiungere anche rosmarino o origano o entrambi^_^

Al giorno d’oggi il Pinzimonio si è un po evoluto, infatti, oltre all’intruglio [per altro molto buono almeno a mio parere^_^]di sale olio e origano, vengono portate altre due scodelle contenti maionese e salsa vinaigrette, ma ne esistono anche cn salse vegetariane, a base di formaggi, allo zafferano e chi più ne ha più ne metta^_^
Inoltre, in aggiunta al sedano e al finocchio al giorno d’oggi nel piatto del Pinzimonio si trovano anche ravanelli, carote, peperoni cipolle e altri tipi di verdure..

Spero di essere stata esauriente^_^ e se volete info su qualche erba, pietra…e ora anche ricette….chiedete pure
Un abbraccio a tutti^_^

Universo fatato…

26 Agosto 2005 2 commenti


Soffermiamoci un po? sulla parola ?fata?, per capirne a fondo il significato storico e culturale?intanto, partiamo dalla parola inglese ?faerie? e dagli equivalenti scozzesi ed irlandesi ?sith? e ?sidhe?! Ebbene, esse derivano tutte tra tre antiche parole: Fatum, che nella mitologia classica identificava il Destino umano, controllato dalle cosiddette Fatae; Fatare, che significa ?incantare? e infine Fatuae, ninfe immortali della mitologia latina?
Questi termini, dunque, rimandano ad un mondo spirituale, inaccessibile, immortale e finiscono con il designare esseri femminili invisibili, e spirituali come appunto le fate?Sulla base di questo, appare comprensibile la corrispondenza tra le credenze inglesi e le dottrine tibetane che parlano di daikini(= frequentatrici del cielo), esseri femminili mistici che appiono nei sogni, nelle visioni o in forma umana?Esse sono associate al crepuscolo e parlano un misterioso linguaggio crepuscolare, non razionale, accessibile solo a pochi illuminati?Secondo la tradizione feerica, ogni donna può improvvisamente rivelarsi una fata?dato che esse assumono spesso sembianze umane?Daikini e fate rappresentano il flusso sottile dell?energia dei fenomeni naturali, flusso che se alterato provoca ostilità in esse, verso chi ne ha interrotto il naturale fluire!
In molti racconti feerici, ignari uomini abbattendo degli alberi o inquinando torrenti, si son trovati ad affrontare conseguenze per il loro agire?
Altro tema specifico è quello dei Tesori nascosti: pensieri, oggetti, insegnamenti tutto può esser condensato e conservato in luoghi incantati come rocce, cespugli, alberi o torrenti! Tali siti risultano protetti da spiriti guardiani, che permettevano soltanto ad alcuni eletti di entrare in contatto con i tesori!I tesori delle fate sono accessibili solo ai puri di cuore, gli altri che se ne impossessino, in qualsiasi modo, vengono perseguitati da orde feeriche?Affascinanti consonanze si trovano nelle varie culture, anche distanti che trattano di esseri spirituali che vivono in armonia con gli elementi naturali! Per la tradizione buddista la realtà è illusoria, fintantoché si cerca di afferrarla e condensarla in forme definitorie e immutabili; se se ne accetta la fluidità e il lento inesorabile scorrere?allora si entra in contatto con la pura energia di cui è costituita?Partendo da questo presupposto, possiamo affermare che la dimensione feerica e quella umana si compenetrano?Quindi, chiudete per un istante gli occhi e fate riposare la vostra mente,nello spazio che precede il pensiero, in quel punto a-dimensionale troverete, con esercizio?pazienza?concentrazione?Feerilandia! Per un?istante, ancor prima di iniziare a incasellare e archiviare, la nostra mente ci permette di cogliere lo scintillare del Reame delle fate!
Ovviamente questo è soltanto uno stimolo a incuriosirvi?se poi avete voglia di saperne di più trovate molti titoli di utili testi nella colonna di sinistra del Blog!
E adesso?chiudete gli occhi e iniziate a sognare?

Soleluna!

Quanto sapete della Salvia?

22 Agosto 2005 10 commenti


Ecco qui, e con questo si comincia^_^
Oggi vi darò qualche informazione e vi dirò qualke simpatica curiosità su quest’erba solitamente usata in cucina..

La Salvia, detta anche in gergo popolare “Chiarella”, è stata sempre al centro di molte credenze popolari, una di queste dice che se mangiata regolarmente la Salvia allunga la vita, infatti esiste un detto che dice: “Chi vuol vivere 100anni, mangi Salvia di Maggio”!!

Sapevate invece che piantare un’intera aiula di Salvia aporta sfortuna?La tradizione dice che quest’erba vada sempre piantata in un aiula con diversi tipi di piante, ma vi dirò di più! Se dovete piantare una pianta di Salvia fatelo fare da qualcuno che non sia della vostra famiglia,se la tenete in giardino o in casa in quanto si dice che quest’erba, se piantata da voi stessi, porta male…

Ultima particolarità: Se desiderate particolarmente qualcosa potete prendere una foglia di Salvia {chiedendo prima e ringraziando la pianta ovviamente}esprimete il desiderio e metterla sotto il cuscino. Dormiteci sopra tre notti; se anche solo una volta sognate qualcosa di inerente al desiderio sarete esauditi^_^
In caso contrario , dopo la terza notte seppellite la foglia per evitare danni o sciagure…^_^

Per oggi è Tutto^_^

Simpatici ometti irsuti della Norvegia…

22 Agosto 2005 2 commenti


Accogliendo un suggerimentodi una lettrice di Charmed, stanotte vi parlo dei Trolls!
Ci spostiamo, pertanto, dall?Irlanda alla Norvegia, amici?altro splendido, candido, magico paese?da sempre abitato dal piccolo popolo: nei laghi limpidi, tra i verdi boschi stanno i folletti d?acqua; sugli scogli e sotto le cascate si può trovare il brillante suonatore dello speciale violino dei Troll, maestro di molti violinisti norvegesi.
Elfi e fate vivono sulle colline e sotto i cespugli; mente altre fate preferiscono le vicinanze dell?uomo e di notte stanno nei granai e nelle stalle.
Le numerose montagne sono la dimora dei Troll, il cui capo è il Dovregrubben!
I Troll possono vivere centinaia di anni, basta che non vedano mai la luce del sole?altrimenti si trasformano in pietra! I Troll sono ruvidi ed irsuti, dotati di una coda dal folto pelo.
Tra i molti poteri soprannaturali dei Troll c’e? la capacità di trasformarsi: le Trolle si trasformano in creature bellissime, con la coda, di cui contadini e boscaioli si innamorano finchè non scoprono la coda, riportandole al loro stato naturale! Brutti, simpatici, teneri ed aggressivi, romantici e sognatori, i Troll rappresentano tutti gli aspetti dell?uomo : ognuno può trovare in un troll una parte di se stesso.
I troll sono per natura estremamente timidi, amanti della pace e della tranquillità e vivono in perfetta armonia con la natura?abitano i boschi e si arrabbiano tantissimo se qualcuno non rispetta il loro abitata naturale, perciò ormai lo sapete se volete andar d?accordo con loro, come con tutto il Piccolo Popolo, ricordatevi di rispettare ed amare Madre Natura!

La forza magica degli Elementi Naturali!

18 Agosto 2005 7 commenti


Vi svelerò oggi un arcano segreto?;)
Il nostro corpo, signori, unito alla mente è lo strumento magico migliore che abbiamo!
Perciò, per avvicinarsi a qual si voglia incantesimo, è necessario prima conoscere noi stessi o ristabilire l?equilibrio in noi?compiere un viaggio simbolico, alla ricerca di ciò che ognuno di noi è, nel bene e nel male.
Per facilitarvi in questa impresa, dovrò prima spiegari qualcosa sugli Elementi naturali: Acqua, Terra, Aria e Fuoco!
Dunque, tutto , sul nostro pianeta, contiene un elemento o l?altro, o una combinazione di essi?Ciascun elemento, contiene in sé una polarità attiva ed una passiva; quando è attivo, agisce in modo costruttivo e creativo; quando è passivo, invece, agisce in modo distruttivo?Ora, ben sappiamo, che le parti del nostro corpo sono regolate da elementi naturali; ma vediamo nello specifico:

FUOCO:

Una forza magica di colore rosso che si muove verso sud e riguarda testa, collo, spalle e braccia!
La possiamo cogliere nelle scintille, nei lampi, nelle fiamme crepitanti di un camino e si definisce fluido elettrico.
Attivo: azione, entusiasmo, movimento, creatività, curiosità e determinazione
Passivo: gelosia, odio, intolleranza, distruzione, avidità

ACQUA:

Forza magnetica di colore azzurro, che si muove verso Ovest e la cui attrazione possiamo percepire nella corrente di un fiume, nelle maree, nelle fasi lunari, nella pioggia! Interessa l?addome ed il centro emozionale.
Attivo: amore, compassione, serenità, tenerezza, nutrimento; passivo: amarezza, egoismo, depressione, stagnazione, rabbia, indifferenza.

ARIA:

Elemento di colore giallo, che si muove verso Est e riguarda torace e polmoni! Ha un ruolo fondamentale e di coesione per gli elementi Acqua e Fuoco: alimenta il fuoco e modifica l?acqua, permettendole di divenire nebbia, neve, vapore ecc.
Attivo: giocosità, gentilezza, ottimismo, gioia, diligenza, ispirazione; passivo: debolezza, indecisione, inettitudine, maldicenza.

TERRA:

Elemento di colore verde, che si muove verso Nord e contiene in forma solida tutti gli altri! Interessa gambe, piedi e intestino. E? un fluido elettromagnetico, che trae energia dalla coesione di tutti gli elementi, formando ghiacciai, rocce, lava ecc.
Attivo: fiducia, pazienza, sincerità, tenacia, responsabilità, rispetto; passivo: falsità, inaffidabilità, lentezza, pessimismo, noia, diffidenza.

Veniamo adesso all?esercizio vero e proprio:

Fate un elenco, il più possibile sincero, delle vostre caratteristiche positive e negative, cercando poi di ricondurre ciascuna di esse ad un elemento nella sua valenza attiva o negativa.

Es. Allegro: aria Indeciso: aria
Sincero: terra Diffidente: terra
Entusiasta: fuoco Egoista: acqua
Paziente: terra Geloso: fuoco

Dallo schema si evince una scarsità di acqua e una predominanza dell?elemento Terra?si potrà perciò lavorare su noi stessi per rinvigorire l?elemento Acqua con gli esercizi che vi elenco sotto.

Aria:

Corrisponde alle idee, all?ispirazione, alla comunicazione! Per rigenerare questo elemento scrivete lettere, leggete, utilizzate qualsiasi mezzo a vostra disposizione per comunicare con gli altri e concedetevi qualche ?bagno? di cultura, tipo una visita ad un museo o ad una mostra, senza dimenticare di divertirvi liberando le energie del vostro corpo: ballate, fate ginnastica, passeggiate ecc.

Acqua:

Questo elemento corrisponde al centro emozionale, quindi per rigenerarlo cercate di fare quelle attività che vi piacciono veramente e, magari, vi sembra di avere sempre troppo poco tempo per dedicarvici: ascoltate musica, fate un bel bagno, passeggiate in riva al mare, ammirate la luna, abbracciate il vostro partner, fatevi un bel pianto?l?importante è che l?elemento acqua sia presente!

Fuoco:

E? creativo, vivace, attivo! Per rigenerarlo, sedete accanto al fuoco, cucinate qualcosa che vi piace, crogiolatevi al sole, prendete qualche iniziativa, risolvete qualcosa di in concluso o iniziate un nuovo progetto?

Terra:

Per rigenerare questo elemento, lavorate nel vostro giardino, piantate fiori, camminate a piedi scalzi, sedetevi sotto un albero?avvertirete il fatto di far parte del Pianeta, vi sentirete in poco tempo radicati a terra, con una sensazione di benessere e stabilità.

Ecco qua, questi esercizi si riveleranno utili e dopo un mese potrete ripetere l?elenco delle vostre qualità, vedrete che ci saranno delle sorprese e sarete consapevoli del fatto che potrete vedere il vostro mondo personale in modo un po? più autentico!
Buon lavoro!

Le Fanciulle dei Laghi!

15 Agosto 2005 6 commenti


Come ormai saprete, dato che leggete attentamente i post fatati su Charmed, esistono molti tipi di creature acquatiche che popolano mari, laghetti, fiumi e ruscelli?Oggi mi soffermerò su alcune leggende che riguardano le ?Fanciulle dei laghi?, fate gallesi che regnano sulle superfici lacustri e che, talvolta, possono sposare un mortale!

Narra una leggenda piuttosto nota che un giovane pastore era solito portare il bestiame nelle vicinanze di un laghetto, sulle Montagne Nere?.Un giorno, vide avvicinarsi alla riva una barchetta d?oro, guidata da un?incantevole fanciulla! Ammaliato dalle splendide fattezze della ragazza, il pastore la chiamò a riva offrendole un po? di pane; ma essa lo rifiutò, dicendo che era troppo duro e scomparendo all?istante?.Il secondo giorno, il giovane tornò con della pasta di pane cruda e la offrì di nuovo alla fanciulla, che stavolta la rifiutò perché troppo soffice?Il terzo giorno, finalmente, tornò con del pane appena cotto e la fanciulla lo accettò!
A questo punto, spuntarono dal lago un vecchio e un?altra ragazza, del tutto identica alla prima e il vecchio disse al giovane che gli avrebbe dato in sposa la fanciulla di cui era innamorato, se solo fosse riuscito a riconoscerla tra le due!
Il giovane provò a distinguerle; ma le due giovani erano proprio identiche e mai ce l?avrebbe fatta se una delle due non si fosse mossa e non gli avesse fatto intravedere una scarpetta che prontamente il giovane riconobbe come appartenente alla fanciulla che aveva conosciuto e che potè, così sposare?

I due si sposarono; ma al giovane fu detto di stare sempre attento a non ferire, umiliare o offendere la fanciulla altrimenti l?avrebbe persa?La ragazza era una dolce sposa ma con strane abitudini: piangeva ai matrimoni, rideva o cantava ai funerali e questo iniziò a dar fastidio al marito che finì con il rimproverarla tre volte: la fata scomparì all?istante, tornando soltanto a far visita ai figli, per insegnare loro i segreti della medicina naturale!

Ed ecco un?altra storia: si dice che, tutte le mattine del primo giorno dell?anno, in Galles, in riva ad un lago, è possibile scorgere una porticina aperta in una roccia, che se attraversata, conduce ad un?isoletta fatata in mezzo al lago!
Su di essa ci sarebbe un delizioso giardino, abitato da fanciulle delle acque che festeggiano gli ospiti, donando loro frutti e fiori e intrattenendoli con danze e canti?qua i visitatori potevano restare quanto volevano; ma dovevano impegnarsi a non rivelare mai nessun particolare sull?isola e a non portare via niente da lì!
Un giorno, uno di loro prese un fiore e se lo mise in tasca pensando di portarlo con sé come portafortuna; ma ritornando a casa, svenne cadendo in un sonno profondo e la porticina fu chiusa per sempre?

Ebbene,conoscete qualche leggenda simile? Avete mai incontrato una Fanciulla Acquatica? Fateci sapere?baci Soleluna!

La fata Turchina non esiste….!

10 Agosto 2005 10 commenti


Parliamo oggi del carattere delle fate?della loro natura sfaccettata e complessa?del loro essere a metà tra il bene e il male?del fatto che la Fata Turchina, amici che mi leggete, non esiste( e meno male!)

Ci sono tutta una serie di comportamenti che sarebbe bene evitare se non si vuole incappare nell?ira del piccolo popolo e per ciascuno di essi c?e? una ragionevole spiegazione:

- Vietato fischiare forte nei boschi, il piccolo popolo infatti è anche detto ?popolo silenzioso? dato l?amore per i suoni armonici della natura che fischi ed urli andrebbero a rovinare?.
- Vietato abbattere un sambuco o cogliere un biancospino, infatti le fate amano soffermarsi soprattutto su queste piante e non gradiscono che vengano strappate, danneggiate o violate?
- Vietato cogliere l?ultima mela di un albero, dato che essa spetta alle fate?

Questi sono soltanto esempi che si possono trovare nella letteratura fantasy?e che ci danno un?idea della natura delle fate?restituendo ad esse autenticità, aldilà di tanti buonismi e moralismi che si possono trovare in giro!
Avete presente la favola della Bella Addormentata? Ebbene, la tredicesima fata appare così vendicativa, per la mancanza di un piattino d?oro tra i suoi cimeli, da augurare la malasorte alla piccola fanciulla?
Le fate del Galles talvolta, incollerite, spingono ignari passanti, che per qualche motivo non rispettano il loro territorio, giù dalle rupi o, deliberatamente, li portano sulla cattiva strada?.
La fata africana Lalla Aisha ossessiona le donne che l?abbiano offesa, inquinando sorgenti o gettando via acqua calda?( n.d.a.dietro a tutte queste azioni sta il concetto del rispetto per la natura e le sue leggi e l?idea che non rispettarle significhi scatenare reazioni, direi che questo è molto attuale!)

D?altro canto, in difesa delle fate, bisogna dire che esse sono pronte ad aiutare chi rispetta le loro regole, ricompensadoli con doni e frutti: forniscono rimedi per i malati, cibo e legna per i poveri, salvano bimbi in pericolo, si occupano di fiori e animali assicurando prosperità a chi sappia cogliere i benefici di tutto ciò!

Quindi, forse, basta poco per vivere in armonia con esse?rispettiamo e amiamo la natura, ricordando che essa VIVE!

Soleluna!

Gli Amici VeRdi Delle FaTe-StReGhe…

7 Agosto 2005 8 commenti


Oggi parliamo un po? degli alberi e della loro simbologia nel mondo feerico!

Vi presento alcuni Amici Verdi, compagni fidati di fate, folletti ed elfi?

L? Abete: albero sempreverde, i cui doni si legano all?immortalità, all?infinito, alla reincarnazione e al karma?Favorisce la forma fisica e la salute, in generale!

La Betulla: albero sacro alla Madre Terra e al dio Thor, particolarmente indicato per chi vuol intraprendere nuovi progetti!

Il Biancospino: pianta usata nei riti di purificazione e sacra alle fate, che si lega al concetto della libertà! Indicato per chi vuol abbandonare le vecchie abitudini?

L?Eucalipto: detto ?albero della vita e della protezione?, veniva usato, nell?antichità, per scacciare spiriti malvagi dalle case. Le foglie e le bacche possono essere usate per lavare, gli oli , invece, per accrescere le abilità psichiche. In segno augurale, si può portare un rametto di questa pianta, in tasca; ma attenzione: i frutti sono velenosi!

Il Melo: albero sacro ad Afrodite, i cui boccioli sono l?ideale per magie d?amore e seduzione. La mela simboleggia la Stregoneria, dato che semi e cuore formano un pentagramma perfetto.

Il Nocciolo: utilizzato, sin dall?antichità, per fabbricare bastoni divinatori, utili per localizzare acqua e minerali; i frutti sono di buon auspicio per l?acquisizione di saggezza, memoria e autenticità.

La Quercia: simbolo di forza e stabilità. Bene augurale per la prosperità e la fortuna.

Il Salice: albero caro alla Stregoneria, dato che il termine willow(salice), witch(strega) e wicca derivano tutti dalla stessa radice linguistica; il wicker non è altro che il ramo flessibile di certe specie di salici. E? noto anche come albero della morte, dove il termine morte va inteso come ?ciclo?, ?processo verso la rinascita?. Il legno è sacro ad Ecate ed è utile per tutti coloro che stanno affrontando fasi di separazione e muovendosi verso nuove prospettive di vita.

Vite: pianta sacra a Bacco, Dio del buon vino, che infonde gioia di vivere, felicità e positività!

Ecco qua, alcuni tipi di alberi ed il loro significato?mi raccomando, ricordate che si sta parlando di simbologie?per utilizzare i prodotti di questi alberi in pozioni o incantesimi eventuali dovreste comunque essere esperte di wicca o informarvi specificatamente sulle loro proprietà!

Mi raccomando, amate e rispettate la Natura e i suoi splendidi ?FruTTi??un bacio Soleluna!

Queen Mab!

1 Agosto 2005 6 commenti


Mi piace ricercare figure di fate descritte da vari autori, in libri, fumetti o film…vi riporto un breve passo di Shakespeare, in cui Mercuzio(amico di Romeo) descrive la Regina Mab, in Romeo and Juliet:

E? la fata che porta il sogno
e non è più grande dell?immagine sul cammeo
che sta sul dito del funzionario municipale.
Si posa sul nasco di chi dorme,
trainata da una muta di atomi lievi,
le ruote del suo carro hanno raggi
fatti con esili zampe di ragno,
il mantice con ali di cavalletta,
i finimenti con raggi di luna;
un ossicino di grillo è la sua sferza,
un filo d?erba è lo sverzino;
per cocchiere ha una zanzara
il cui mantello grigio è più piccolo
della metà di uno di quei tondi bruchi
che si celano nelle dita delle fanciulle oziose;
il cocchio è solo un guscio di nocciola?(I. 4)

Maab, regina delle fate che porta i sogni agli umani?inaugura questo nuovo spazio nel nostro blog dove saremmo liete di ricevere pensieri, poesie o citazioni tratte da testi che descrivono il piccolo popolo…(verranno inserite nella colonna di destra del blog…nel box dal titolo:”Pensieri fatati”!

Buona giornata a voi!

Soleluna!